FIGLI E TECNOLOGIA

AIUTO DELL’ADULTO NELL’USO E SCELTA DELLA TECNOLOGIA

Cosa porta un uso precoce della tecnologia e una scelta sbagliata di informazioni, programmi e giochi digitali?

Il tempo di screening prolungato può creare nella gioventù problemi di salute comportamentale e disturbi del sonno e diminuire un giusto tempo di riposo importante per tutte le persone. L’effetto indiretto nel tempo dell’uso  dello schermo (Televisione, computer, smartphone, videogiochi e tablet) può creare problemi di isolamento dalla realtà. 

Una soluzione è dedicare tempo per allenare il cervello, utilizzarlo in attività dove le relazioni ed i sensi sono tenuti a lavorare insieme, così da  migliorare una serie di problemi cognitivi correlati. Una partita con un gioco da tavolo con altre persone reali fa crescere, sviluppare ed apprendere la capacità delle interazioni. La persona viene spinta ad interagire con atteggiamenti non programmati e con multi finalità, cosa che un gioco digitale o un video non possono offrire.

Cosa possiamo fare per riportare relazioni umane, interazioni, ascolto, capacità ed attitudini personali a condizioni naturali e utili alla vita sociale?

Stare più tempo a contatto con la natura, attraverso campeggi, pesca, trekking, fotografia; mettersi alla prova anche fisicamente;  impegnarsi in giochi dove le azioni non sono facilmente deducibili e si svolgono in spazi di interazione fisica e dove viene sviluppata la capacità di scelta con un più ampio spettro di opzioni e di argomenti. Questo indurrà le capacità della persona ad essere allenate agli imprevisti e ci potrà rendere reattivi agli stimoli reali e sociali. Quest’ultimo impegno indurrà a sviluppare altre capacità, che interessano tutti i sensi, sviluppando una grande interazione con il nostro corpo. Si potrà così sviluppare un lavoro completo sulla persona e stimolare tutte le caratteristiche e potenzialità dell’essere umano.

Tutto ciò non avverrà se restiamo sempre collegati a un computer o ad un altro dispositivo, che impegna tutte le nostre energie in un unico sistema: quello digitale. Non è negativo cercare di far funzionare un cervello ad altissima prestazione ed attenzione per un certo lasso di tempo, ma dobbiamo sempre capire cosa allena la mente e cosa stimola le capacità di ragionamento e di decisione.  Riconoscere quelle attività che non allenano la mente ci può rendere consapevoli dei loro limiti e consentire di ridurne l’utilizzo.

Per questo è importante prendersi cura dello stato di salute della nostra mente e ciò vale in particolare  per i nostri giovani, che sono in una fase delicata di sviluppo e di costruzione della loro personalità. 

E’ quindi necessario che  i giovani ascoltino i proficui consigli degli esperti, che ricordano di allenare la mente con un giusto equilibrio tra ambiente digitale ed ambiente reale.  Più la mente sarà allenata all’ascolto e al confronto con la realtà e più i giovani avranno la possibilità di riuscire nella famiglia, nelle relazioni  e nel loro futuro business come imprenditori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.